Diritto allo studio nella casa circondariale di Trento

24 Lug
0

Diritto allo studio nella casa circondariale di Trento

Sostenere il diritto allo studio nella Casa Circondariale di Trento

 

Docenti Senza Frontiere crede che il cambiamento sociale passa attraverso la promozione del diritto allo studio, specialmente nei contesti di profondo disagio, laddove l’istruzione appare quasi l’unico mezzo per garantire un benessere o uno sviluppo reale. È sulla base di questo obiettivo che DSF collabora con i docenti del Liceo Antonio Rosmini di Trento che hanno in carico l’area educativa del carcere, fornendo quaderni ai detenuti della Casa Circondariale di Trento.

OBIETTIVO:

Favorire lo sviluppo della persona umana, sia a livello individuale sia sul piano sociale; in vista del reinserimento dei detenuti nella società, la dedizione allo studio intende:

  • Dare agli studenti la possibilità di avere una qualificazione professionale.
  • Offrire un intervento che abbia esiti, in termini di cambiamento, su lungo periodo.
RIEPILOGO PROGETTO

SINTESI PROGETTO


LOCALITA’:   Italia – Trento

PARTNER PROGETTO:   Liceo Scienze Umane Antonio Rosmini di Trento

CON IL SOSTEGNO DI:   Comune di Trento
Tag:
Categoria: ,

Lascia un commento