log in
          

Campo Estivo in Kossovo

  • Letto 1527 volte
In evidenza Campo Estivo in Kossovo
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ore 10.53 di domenica 24 agosto 2014. Bloccati sul bus nella "terra di nessuno", in attesa di superare la frontiera tra Serbia e Croazia.
Siamo Elisabetta, Maria, Maria Luisa, Remo Omar, Rossella, Maura, un gruppo di insegnanti di ogni ordine e grado, con comprovata esperienza psicopedagogica didattica e progettuale in Italia e all'estero, e di esperti nell'ambito della formazione e dell'inclusione scolastica che l'Associazione Docenti Senza Frontiere ha selezionato per realizzare una missione esplorativa, di osservazione socio-pedagogica nell'Istituto "Xhemail Kada" del quartiere di Shtat Shtatore di Pej/Pec, in Kosovo. Insieme a noi sul bus ci sono Michele e Miriam in rappresentanza di DSF, Rossana e Maurizio dell'Associazione Trentino con i Balcani da 13 anni sul territorio, oltre ai ragazzi e agli educatori della Cooperativa Sociale Arianna di Trento. La direzione comune è stata per tutti Pej/Pec, ma ciascun gruppo, pur condividendo gli spazi dell'alloggio e alcuni momenti conviviali, ha avuto ruoli e compiti diversi nella città kosovara.
Noi, per e con i rappresentanti DSF, ci siamo dedicati per circa 10 giorni a questa interessante missione ritenuta di fondamentale importanza dalle associazioni Docenti Senza Frontiere e Trentino con i Balcani, al fine di acquisire dati, avviare contatti e tentare di comprendere la complessa realtà kosovara, specialmente in relazione al problema della dispersione e dell'implementazione scolastica delle minoranze RAE (acronimo che sta per Rom, Ashkali, Egyptian), il cosiddetto drop out.
In questa intensa settimana, il nostro gruppo di lavoro ha incontrato regolarmente il dirigente scolastico con una rappresentanza di docenti dell'Istituto locale in un dialogo proficuo e costruttivo in cui sono state condivise le rispettive esperienze e difficoltà, e ha tentato di avanzare soluzioni per favorire il successo da parte dei ragazzi che sono totalmente estranei al processo di scolarizzazione. A momenti di confronto e scambio su questioni didattiche si sono alternati piacevoli occasioni conviviali di reciproca conoscenza: la musica e il cibo balcanici si sono allora prestati come cornice degli incontri.
Alle riunioni a scuola abbiamo affiancato quelle con le istituzioni della municipalità di Pej/Pec: il sindaco e il suo gabinetto hanno allora espresso forte interesse nel potenziamento del settore dell'istruzione, mostrando forte fiducia nell?intervento di mediazione e di indirizzo di DSF.
Tra una riunione e l'altra non sono mancate le occasioni per creare nuove amicizie, visitare la città e i suoi dintorni e ritorniamo quindi a casa con un bagaglio di esperienze e di emozioni intense, dettate ancora una volta dalle diversità culturali. Al centro della scena, non solo gli insegnanti, la scuola e la comunità, ma un bambino che costituisce il cuore pulsante di questa stessa comunità. Un bambino che sta cercando di superare le profonde ferite di un conflitto non ancora del tutto elaborato.E noi siamo più che grati a DSF di poter aiutarlo con il nostro contributo!
A seguito della missione esplorativa, l'Associazione Docenti Senza Frontiere, in partenariato con l'Associazione Trentino con i Balcani, con il fondamentale appoggio della dirigenza e degli insegnanti dell'Istituto scolastico oltre che al patrocinio del comune di Pej/Pec, presenterà un progetto pluriennale di carattere educativo per l'Istituto "Xhemail Kada" nel prossimo bando di cooperazione allo sviluppo di novembre della Provincia Autonoma di Trento.
DSF insieme a:
Remo Omar Cinquanta
Maria Galati
Maria Luisa Magagnotti
Maura Montuori

          


Log in - Area Riservata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.