log in

Home Menu Item

La storia di Patricia

Featured La storia di Patricia
Rate this item
(3 votes)

"In un mondo dove su un giocatore si investono anche 280 milioni di Euro per ottenere la vittoria di una squadra, noi investiamo solo 1500 euro su una giovane donna intelligente, motivata e studiosa per ottenere il progresso di un?intera società."

Offrire una borsa di studio non è solo compiere un gesto di generosità, non è una semplice donazione, ma è molto di più. E' un investimento per il futuro, significa scommettere sulle potenzialità delle persone e sulla capacità di produrre cambiamento sociale attraverso l'istruzione. Nella convinzione di ciò DSF vuole sostenere studenti meritevoli, che vivono in condizioni di disagio socio economico, favorendo e promuovendo il loro diritto alla conoscenza e alla formazione.

PATRICIA MERCEDES FLORES NICOLALDE, studentessa ecuadoriana, fin dalla giovanissima età si è contraddistinta per l'impegno, l'intelligenza e i risultati conseguiti durante il percorso scolastico nelle scuole superiori, raggiungendo l'obiettivo di poter frequentare la Facoltà BANCA FINANZA presso l'UNIVERSITA' ISTITUTO TECNOLOGICO SUPERIORE CORDILLERA a QUITO.
Attualmente Patricia è iscritta al 4° ANNO (1? semestre) e a breve dovrò intraprendere l'anno di TESI. Il costo per l'iscrizione e la frequenza è quantificato mediamente in 1500,00 dollari al semestre. Il corso in Banca e Finanza, oltre a fornire gli studenti di una completa preparazione umana e culturale, garantisce il conseguimento di una importante formazione scientifica e tecnologica che permette l'ingresso nel mondo del lavoro, sia in istituzioni private che pubbliche.
Una vita difficile quella di Patricia, tutta in salita, ma caratterizzata da una forza di volontà fuori dal comune e da un obiettivo: "Mi impegno nello studio perchè voglio riscattare la mia famiglia e aiutare i miei genitori ad avere una vecchiaia dignitosa". Patricia è una ragazza madre con un figlio di tre anni. Entrambi si trovano in una situazione familiare particolarmente difficile: abitano in una casa modestissima, con i genitori di Patricia. Il padre Salomon è disoccupato da diversi anni perché colpito da una grave forma di glaucoma bilaterale, mentre la madre Anita ha problemi di salute a causa di una malformazione cardiaca. Della famiglia fa anche parte il fratello Salomon junior sposato con moglie e figli. 
Il reddito percepito dall?intera famiglia è di 40 dollari come sussidio statale concesso al papà e di 280 dollari (salario minimo) del fratello Salomon. A causa di questa situazione di vita disagiata, Patricia, in alcuni periodi, è stata costretta a sospendere la frequenza delle lezione universitarie per dedicarsi a lavori saltuari, con i guadagni dei quali poter affrontare difficoltà sorte all'interno del nucleo familiare. Quando può frequentare la scuola, ogni sera, terminate le lezioni, è costretta a rientrare a tarda ora, percorrendo 40 km con il pullman e alcuni km a piedi per arrivare a casa, per poi alzarsi la mattina dopo, all'alba e ritornare a QUITO. 

Lo scorso anno i bambini della scuola primaria Bellesini di Trento hanno raccolto, attraverso l'allestimento di un mercatino, la somma necessaria per permettere a questa coraggiosa ragazza di concludere il suo percorso di studi e DSF l'ha devoluta a Patricia sotto forma di borsa di studio del valore di 1500 euro. Forza Patricia: ormai il traguardo è vicino!

 

E' possibile effettuare un versamento con causale "BORSE DI STUDIO" attraverso il conto corrente 
BANCA ETICA IT46T0501812101000000175233, Aiutaci a raccogliere 5.000 euro per aiutare altre ragazze e ragazzi meritevoli come Patricia.
per info: scrivere ad This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.